Luca Park a Lviv- Il parco di Luca a Leopoli

Comunicati Nessun commento »

Di #Parchi di #uova di #scarpe di #Provvidenza e un mio post del 14 aprile 2022

Io penso che tutto questo sia incredibile. Meno di 24 ore fa, ieri sera 13 aprile 2022 alle 23, ho scritto una mail al network di associazioni/organizzazioni/ che stanno mandando aiuti a Leopoli a padre Igor Rettore del Seminario e a Suor Giustina direttrice del progetto hospice neonatale, i miei amici che dall’11 marzo abbiamo iniziato ad aiutare rispondendo a una richiesta di supporto. Chiedevo un po’ di cose in più da mandare a Leopoli . Oltre alla lista di materiale che settimanalmente va su con generosità incredibile da parte di tanti (ogni tipo di cibo e farmaci ) mancano infatti anche lenzuola scarpe e asciugamani,  ma poi pensando al periodo,  ho chiesto anche uova di Pasqua,  colombe e giochi gonfiabili per i bambini profughi da padre Igor al seminario di Leopoli , oggi 62 con le loro mamme.Alle 10 di questa mattina Carmelo Ferraro di mi’impegno ha trovato 80 uova di Pasqua 🐣 e colombeAlle 12.00 Andrea Ciccioni di Quelli che… Per Luca aveva trovato 60 paia di scarpe, lenzuola e biancheriaAlle 12.30 Cristina Sappa di Milano Sospesa confermava che anche loro si attivano aggiungendo le nuove cose richieste al prossimo carico ( basta uova!!!)Alle 13.00 Andrea Ciccioni era riuscito a trovare i gonfiabili, ma così tanti da poter fare un parco. Che con Padre Igor abbiamo deciso di chiamare il Parco di Luca – Luca Park in onore di suo figlio Luca che anni fa è mancatoper una leucemia ma che da oggi avrà un parco giochi in Ucraina a suo nome.Alle 13.30 Luca Park aveva già il logo e Andrea, che fa il grafico farà uno striscione plastificato di 2m per 1 che verrà appeso all’ingresso del parco giochi che si farà nel giardino del seminario per i bambini rifugiati. Arrotolabile così è facile da portare su. Ve lo allego. È bellissimo .W Il Parco di Luca di Leopoli. E poi nessuno dica che la Provvidenza non  esiste. Grazie a tutti. Matilde

The Neurology Revolution: WHO Global Action Plan for Neurology by Matilde Leonardi

Comunicati Nessun commento »

 

15th March 2022

Brain Awareness Week 2022

You will find here below the link to the full webinar

https://irccsbesta-my.sharepoint.com/personal/formazione_istituto-besta_it/_layouts/15/onedrive.aspx?id=%2Fpersonal%2Fformazione%5Fistituto%2Dbesta%5Fit%2FDocuments%2FRegistrazioni%2FWHO%20Global%20Action%20Plan%20on%20epilepsy%20and%20other%20neurological%20Disorders%5F%20the%20neurology%20revolution%2D20220315%5F140047%2DRegistrazione%20della%20riunione%2Emp4&parent=%2Fpersonal%2Fformazione%5Fistituto%2Dbesta%5Fit%2FDocuments%2FRegistrazioni&ct=1647374015046&or=OWA%2DNT&cid=33c8d83a%2D0a58%2D0b88%2Dc941%2Df678754287d7

The Neurology Revolution by Matilde Leonardi

Comunicati Nessun commento »
15th March 2pm CET,
 
The neurology revolution: WHO Global Action Plan on epilepsy and other neurological disorders
 
….2022 is likely to bring a historic policy change with the potential to impact neurological services worldwide, as reported by a recente Lancet Neurology editorial (pag 103 Vol 21, February 2022). In May, WHO is expected to adopt its Intersectoral Global Action Plan on epilepsy and other neurological disorders, with the aim “to improve care, recovery, well-being and participation of people living with neurological disorders across the life-course”. With this Global Action Plan, WHO considers neurological disorders, for the first time, as a distinct priority for global health, and the effects of this long-overdue decision should ripple across national health systems and research-funding agendas.
WHO Member States are expected to adopt the Global Action Plan-GAP at the 75th World Health Assembly. The adoption should not only place the prevention of neurological disorders as a key part of the EU implementation roadmap for tackling non- communicable diseases but also change research priorities and the public health strategic plan of the EU, which does not mention neurological health at present. The adoption of the WHO Plan is “a unique opportunity” to improve the lives of people with neurological disorders.  2022 will certainly be a momentous year for the neurological community, the year of neurology revolution! 
 
 
This and other relevant issues will be presented during the Webinar The neurology revolution: WHO Global Action Plan on epilepsy and other neurological disorders held during Brain Awareness Week on 15th March at 2pm CET. The speaker will be Matilde Leonardi, Neurologist from Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Besta and One Neurology Ambassador,  with Introduction by the President of the Italian Society of Neurology Prof Alfredo Berardelli and by Prof Giuseppe Lauria, Scientific Director of Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Besta. 

The Neurology Revolution: WHO global Action Plan on epilepsy and other neurological disorders

Comunicati Nessun commento »

Brain Awareness Week 2022_15032022 (1)

SETTIMANA MONDIALE DEL CERVELLO, 14-20 MARZO: OGGI LA PRESENTAZIONE DEL GLOBAL ACTION PLAN DELL’OMS SULLA NEUROLOGIA

15 marzo 2022

SETTIMANA MONDIALE DEL CERVELLO, 14-20 MARZO: OGGI LA PRESENTAZIONE DEL GLOBAL ACTION PLAN DELL’OMS SULLA NEUROLOGIA

Dopo l’intervento del dottor Massimo Leone per presentare l’emergenza neurologica in Africa subsaariana all’evento di apertura della settimana di sensibilizzazione della SIN “Le stagioni del cervello”, oggi 15 marzo 2022 la dottoressa Matilde Leonardi illustrerà le novità del “Global Action Plan on epilepsy and other neurological disorders, che verrà approvato a maggio dall’OMS.

È in corso la “Settimana mondiale del cervello”, Coordinata dalla European Dana Alliance for the Brain in Europa e dalla Dana Alliance for Brain Initiatives (https://www.dana.org/) negli Stati Uniti, frutto del coordinamento internazionale delle Società Neuroscientifiche di tutto il mondo. Nel nostro Paese la SIN – Società Italiana di Neurologia – dedica la settimana di sensibilizzazione al tema “Le stagioni del cervello”, con interventi da parte dei neurologi del Besta.

Oggi, 15 marzo, dalle 14 alle 15, la dottoressa Matilde Leonardi, direttore dell’Unità di Neurologia, Salute Pubblica, Disabilità & Coma Research del Besta, presenterà poi “The Neurology revolution”, illustrando i passi i avanti e le novità del mondo della Neurologia introdotte dal Global Action Plan on epilepsy and other neurological disorders”.

L’evento sarà aperto dal presidente della SIN, il professor Alfredo Berardelli e introdotto dal Direttore Scientifico del Besta, professor Giuseppe Lauria Pinter.

È la prima volta che l’OMS presenta una piano strategico sulla Neurologia – spiega la dottoressa Leonardi – che verrà ratificato ufficialmente nel mese di maggio. Parliamo di rivoluzione in Neurologia perché c’è bisogno di un’azione che metta al centro le malattie neurologiche, attorno alle quali c’è ancora un forte stigma. Questo piano rappresenta una presa di coscienza importante sia relativamente alla salute del paziente, sia in termini economici”.

Le patologie neurologiche, solitamente associate all’invecchiamento, in realtà possono manifestarsi nelle varie età del cervello e hanno un grande impatto sulla popolazione: in Italia 6 milioni di persone soffrono di emicrania, 12 milioni soffrono di disturbi del sonno e sono oltre 1.200.000 le persone affette da demenza, di cui 720.000 da Alzheimer; 800.000 sono i pazienti con conseguenze invalidanti dell’Ictus, patologia che ogni anno fa registrare 180.000 nuovi casi, e 400.000 coloro che sono colpiti dal Morbo di Parkinson.

L’adozione del Piano ha l’obiettivo di “migliorare l’assistenza, il recupero, il benessere e la partecipazione delle persone che convivono con disturbi neurologici nel corso della vita“. Con questo Piano d’azione globale, l’OMS considera i disturbi neurologici, per la prima volta, una priorità assoluta per la salute globale e gli effetti di questa decisione attesa da tempo dovrebbero ripercuotersi sui sistemi sanitari nazionali e sui programmi di finanziamento della ricerca.

Gli Stati membri dell’OMS adotteranno il Global Action Plan-GAP alla 75a Assemblea Mondiale della Sanità: questo non solo inquadrerà la prevenzione dei disturbi neurologici come una parte fondamentale della tabella di marcia dell’attuazione dell’UE per affrontare le malattie non trasmissibili, ma modificherà le priorità della ricerca e il piano strategico dell’UE per la salute pubblica, che al momento non menziona la salute neurologica. L’adozione del Piano dell’OMS è “un’opportunità unica” per migliorare la vita delle persone con disturbi neurologici.

Per seguire gli eventi della SIN nella settimana di sensibilizzazione al tema “Le stagioni del cervello”:

http://www.neuro.it/web/procedure/contenuto.cfm?List=WsPageNameCaller,WsIdEvento,WsIdRisposta,WsRelease&c1=%2Fweb%2Feventi%2FNEURO%2Fsettimana%5Fdel%5Fcervello%2Ecfm%3FList%3DWsStartRow%26c1%3D1&c2=SETTCERNEU&c3=13&c4=1

#neurologia #settimanadelcervello #brainawarenessweek #cervello #brain

Il piacere di insegnare neurologia e di seminare per il futuro

Comunicati Commenti disabilitati su Il piacere di insegnare neurologia e di seminare per il futuro

Ci sono studenti che segnano  in modo speciale il percorso di un docente. Perchè insegnare è seminare, è avere fiducia nel futuro, anche se non sai cosa verrà fatto di ciò che hai seminato. E oggi Luca un mio brillante studente del Corso in Neurologia, Salute Pubblica e disabilità, che da oltre 15 anni tengo in Università Cattolica, scrive questo messaggio su FB. A volte si semina bene.Meglio quando si ride anche assieme.

Iniziare il 2022 con una nuova sfida!Uomini e donne per la diversità nei CDA in un corso di formazione executive

Comunicati Commenti disabilitati su Iniziare il 2022 con una nuova sfida!Uomini e donne per la diversità nei CDA in un corso di formazione executive

Una nuova sfida!! Inizio il 2022 con un corso di formazione bellissimo in cui

sono entrata dopo una selezione tra 800 candidati organizzato da Valore D.

Valore D è la prima associazione di imprese in Italia – oltre 270 ad oggi, per un totale di più di due milioni di dipendenti e un giro d’affari aggregato di oltre 500 miliardi di euro – che da oltre dieci anni si impegna per l’equilibrio di genere e per una cultura inclusiva nelle organizzazioni e nel nostro Paese. L’associazione è nata nel 2009 dall’incontro tra dodici manager di altrettante aziende virtuose: parliamo di AstraZeneca, Enel, General Electric, Johnson&Johnson, IKEA, Intesa Sanpaolo, Luxottica, McKinsey & Company, Microsoft, Standard&Poor’s, UniCredit e Vodafone.

Al via la nuova edizione di InTheBoardroom, il percorso di formazione executive nato per promuovere l’inserimento di donne di talento nei Consigli di Amministrazione. Questa edizione di InTheBoardroom vede le prime classi miste donne e uomini, la decima e l’undicesima classe: l’obiettivo è accelerare l’adozione di una cultura inclusiva e di valorizzazione delle diversità per rispondere alle sfide della sostenibilità, tema prioritario nell’agenda dei board. La nuova edizione, infatti,  promuove uno spazio formativo in cui simulare realisticamente le dinamiche proprie di un board eterogeneo, sviluppando e valorizzando le competenze di leadership inclusiva che consentiranno ai futuri consiglieri di essere ambasciatori della diversity all’interno dei board e promotori di una cultura di valorizzazione delle differenze nelle aziende.

Le nuove classi in partenza per gestire la crescente diversità nei board

Tra le oltre 800 candidature arrivate in totale abbiamo creato due classi composte da donne e uomini, in aula per prepararsi alle nuove sfide della governance societaria. Queste classi saranno veri e propri laboratori in cui poter agire le dinamiche di CdA eterogenei per differente background, ruolo, genere, età.

La decima classe è composta da 50 partecipanti, 40 donne e 10 uomini. Dei partecipanti, 24 sono provenienti da aziende associate a Valore D (il 52%) e andranno a comporre una classe eterogenea per ruoli, profili e background diversificati, in cui il 42% dei partecipanti ha un profilo STEM. Il percorso accademico più rappresentato è quello economico-finanziario (22), seguono materie STEM (12), studi umanistici (8), Legal (5), Medical/Biology (2) e scienze politiche (1). I ruoli organizzativi più rappresentati sono CEO (9), Director (7), BU Director (5), Finance/AFC (4) e Legal/Compliance (4).

L’undicesima classe è composta da 46 persone, 36 donne e 10 uomini, di cui 22 provengono da aziende associate. Il 43% dei partecipanti ha un profilo STEM. Il percorso accademico più rappresentato, anche in questo caso, è quello economico-finanziario (22), seguito da materie STEM (13), Legal (6), Studi umanistici (2), Scienze politiche (2), Design (1) e Comunicazione (1). I settori prevalenti sono Energia Oil&Gas (6 partecipanti), Bancario/Finanziario/Assicurativo (5 partecipanti) Industria manifatturiera (6 partecipanti) e Informativa/tech company (4). I ruoli organizzativi più rappresentati sono Director (8), CEO (6) BU Director (5), Marketing/Comunicazione (4), Risorse umane (4) e Finance/AFC (4).

Kick-off e primo appuntamento per le nuove classi

Insieme ai partner del progetto, Egon Zehnder e Borsa Italiana a cui quest’anno si affianca DLA Piper, abbiamo lanciato il nuovo percorso di formazione executive per la decima classe. Barbara Falcomer, Direttrice Generale di Valore D, ha accolto i partecipanti: “Questa classe di InTheBoardroom è un segno di novità nell’impegno verso l’innovazione sociale. Formare e sostenere donne e uomini di talento che accompagnino le imprese nelle nuove sfide che devono affrontare significa contribuire alla crescita inclusiva del Paese. Perché abbiamo puntato su questa evoluzione per il programma InTheBoardoom? Perché il tema della D&I deve entrare con più forza nelle agende dei CdA, e questo sarà possibile grazie all’alleanza con gli uomini: nasce così questa edizione, con donne e uomini che lavorano insieme per il cambiamento, ambasciatori e ambasciatrici dell’inclusione e delle politiche di diversity.”

Per la decima classe il percorso – articolato in dieci appuntamenti online di una giornata al mese – è appena iniziato, in una modalità sempre interattiva e con molte testimonianze aziendali, case studies, interventi di speaker di rilievo e opportunità di networking. Per l’undicesima classe invece il kick-off è il 25 gennaio e la prima lezione si terrà il 26 gennaio.

 

https://valored.it/news/nuova-edizione-di-intheboardroom-uomini-e-donne-per-la-diversita-nei-cda/

Copyright © 2008-2022 Sinexia S.r.l. - Tutti i diritti riservati.
Feed RSSAccedi